Mancato invio del prospetto disabili: sanzioni più elevate dal 1° gennaio


Dal 1 gennaio 2022 sono adeguati ad euro 702,43 gli importi delle sanzioni amministrative per il mancato invio del prospetto informativo disabili, e ad ad euro 34,02 per ogni giorno di ulteriore ritardo.

Restando in materia di assunzione di lavoratori disabili, come noto, i datori di lavoro privati e gli enti pubblici economici che, per le speciali condizioni della loro attività, non possono occupare l’intera, percentuale dei disabili, possono, a domanda, essere parzialmente esonerati dall’obbligo dell’assunzione, alla condizione che versino al Fondo regionale per l’occupazione dei disabili un contributo esonerativo per ciascuna unità non assunta, nella misura di euro 30,64 per ogni giorno lavorativo per ciascun lavoratore disabile non occupato.
I datori di lavoro privati e gli enti pubblici economici che occupano addetti impegnati in lavorazioni che comportano il pagamento di un tasso di premio ai fini INAIL pari o superiore al 60 per mille possono autocertificare l’esonero dall’obbligo di assunzione dei disabili per quanto concerne i medesimi addetti e sono tenuti a versare al Fondo per il diritto al lavoro dei disabili 13 un contributo esonerativo pari a 30,64 euro per ogni giorno lavorativo per ciascun lavoratore con disabilità non occupato.


A decorrere dal 1 gennaio 2022, i menzionati importi sono adeguati ad euro 39,21.